Ultimo aggiornamento: Agosto 26, 2021

Il nostro metodo

12Prodotti analizzati

26Ore trascorse

13Articoli valutati

73Recensioni degli utenti

Benvenuto nel nostro grande test dei filtri UV 2023. Qui presentiamo tutti i filtri UV che abbiamo testato in dettaglio. Abbiamo compilato informazioni dettagliate e aggiunto un riassunto delle recensioni dei clienti sul web.

Vorremmo rendere la tua decisione di acquisto più facile e aiutarti a trovare il miglior filtro UV per te.

Nella nostra guida troverai anche le risposte alle domande più frequenti. Se disponibile, offriamo anche interessanti video di prova. Inoltre, in questa pagina troverai alcune informazioni importanti a cui dovresti prestare attenzione se vuoi acquistare un filtro ND filtro UV.




I fatti più importanti in breve

  • I filtri UV sono speciali filtri per lenti attaccabili che bloccano la luce ultravioletta in fotografia.
  • I filtri UV sono quindi chiamati anche filtri di blocco UV e appartengono ai filtri per DSLR.
  • I filtri UV sono incolori o hanno una leggerissima tinta giallastra.

Filtri UV: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Guida: Domande che dovresti farti prima di acquistare un filtro UV

Cos'è un filtro UV e quali sono le sue funzioni principali?

I compiti di un filtro UV possono essere divisi in due aree. In primo luogo, un filtro UV è un cosiddetto filtro di correzione per la luce UV, cioè per la luce con un'alta percentuale di radiazione ultravioletta. Allo stesso tempo, un filtro UV migliora la visione a distanza, specialmente con le fotocamere analogiche, ed evita gli errori di immagine, che sono anche chiamati aberrazioni cromatiche negli ambienti professionali. Le lenti delle fotocamere sono progettate per la luce visibile.

Con l'aberrazione cromatica, la luce di diversi colori non fluisce insieme in un punto come desiderato, motivo per cui viene visualizzata fuori fuoco. Questo a sua volta porta al ben noto cast blu e alla sfocatura dell'intera immagine. I filtri UV sono progettati per contrastare questo fenomeno.

Stephan WiesnerFotograf
L'obiettivo è il cuore della fotocamera e determina le possibilità di composizione dell'immagine. In linea di principio, un filtro UV non è assolutamente necessario, ma offre alcune funzioni utili. Per prima cosa, protegge l'obiettivo dallo sporco e lo rende resistente alle intemperie. Soprattutto durante le riprese all'aperto nel settore sportivo, può succedere che lo sporco o il fango contaminino il tuo obiettivo. La pulizia non è sempre facile. Con un filtro, puoi semplicemente svitarlo o sostituirlo e le riprese possono continuare. D'altra parte, i filtri UV possono essere utilizzati per prevenire o addirittura manipolare deliberatamente i riflessi indesiderati della luce solare. In questo modo si può ottenere un effetto desiderato della luce.

La seconda e nel frattempo più utilizzata funzione del filtro UV è la protezione delle lenti. Il filtro protegge la lente frontale dell'obiettivo potenzialmente molto costoso dallo sporco e dai danni.

Questo è particolarmente utile quando sostituire una lente frontale graffiata o una danneggiata da liquidi aggressivi è così costoso che non vale nemmeno la pena dal punto di vista economico. L'attacco protegge l'obiettivo da sabbia, polvere e schizzi di tutti i liquidi, per esempio.

Filter liegen auf einem Stein

Un filtro UV, come suggerisce il nome, corregge la luce UV, cioè la luce con un'alta percentuale di radiazione ultravioletta, (Foto: danymena88 / pixabay.com)

Come funziona un filtro UV?

Un filtro UV è solitamente un filtro di vetro rivestito o di plastica. Per evitare la distorsione dell'immagine o addirittura una riduzione della risoluzione, la superficie del filtro deve essere assolutamente parallela all'obiettivo utilizzato. Quando si utilizza un filtro UV, la luce al di sotto dei 350 nanometri viene bloccata e gli effetti negativi già spiegati vengono soppressi.

Vale quanto segue: l'uso di un filtro UV ha senso solo per la fotografia all'aperto. In una stanza chiusa, per esempio nello studio, il filtro è abbastanza dispensabile.

L'utilizzo è relativamente semplice, il filtro UV viene posizionato sull'obiettivo o avvitato. Tuttavia, molti fotografi usano un filtro UV per proteggere i loro obiettivi.

Sapevi che il cristallino umano assorbe i raggi UV?

Non possiamo percepire le radiazioni UV perché il nostro obiettivo nell'occhio assorbe completamente le radiazioni UV prima che ci raggiungano. Questo dovrebbe proteggerci dalla cecità. Le persone che hanno una lente danneggiata a causa di un intervento chirurgico o di un incidente percepiscono la luce UV come un blu-violetto biancastro e lattiginoso.

Dov'è il posto migliore per usare un filtro UV?

Mentre un filtro UV ha sicuramente senso nella fotografia analogica, il filtro bloccante sta diventando sempre meno importante nell'era della fotografia digitale. Una ragione è che la maggior parte dei sensori d'immagine sono già dotati di un filtro UV.

Inoltre, le lenti moderne filtrano molto bene i raggi UV della luce solare. Per questo motivo, di solito non è necessario utilizzare un filtro UV con una fotocamera digitale. Soprattutto con le fotocamere moderne con lenti multiple e rivestite, l'uso di un filtro UV non è assolutamente necessario, poiché il vetro già spesso delle lenti blocca già sufficientemente i raggi UV.

Se viene utilizzato qualsiasi altro filtro a colori o filtro polarizzante, un filtro UV aggiuntivo è superfluo e riduce solo le prestazioni di imaging dell'obiettivo, cioè non porta alcun vantaggio.

Decisione: Quali tipi di filtri UV esistono e qual è quello giusto per te?

Filtri UV per fotocamere digitali

Con le fotocamere digitali, un filtro UV dovrebbe proteggere il sensore dell'immagine da sabbia, sporco, liquidi o altri danni. Inoltre, la protezione è anche per la lente stessa, in modo che non sia danneggiata in modo permanente dai raggi UV dannosi nel tempo.

Vantaggi
  • Protezione del sensore d'immagine
  • Protezione dell'obiettivo e dell'elemento frontale
  • Soppressione delle aberrazioni cromatiche
Svantaggi
  • Quasi nessuna sensibilità alla luce UV
  • Il bilanciamento del bianco integrato corregge gli errori d'immagine
  • Frequente deterioramento della qualità dell'immagine

I sensori d'immagine digitali, tuttavia, spesso non sono affatto sensibili alla luce UV a tal punto che la protezione UV per mezzo di un filtro UV è talvolta completamente inutile. Oggi, i sensori delle fotocamere digitali e gli obiettivi corrispondenti sono costruiti in modo tale da sopprimere i raggi UV il più possibile. Le moderne fotocamere digitali permettono anche un bilanciamento del bianco, che può essere utilizzato per correggere digitalmente un effetto bluastro causato dai raggi UV.

Inoltre, i filtri molto economici in particolare dovrebbero essere trattati con cautela perché possono compromettere visibilmente le prestazioni di imaging dell'obiettivo e quindi la nitidezza e la qualità dell'immagine. Inoltre, un filtro UV aumenta la suscettibilità di una lente alla luce diffusa. Questo a sua volta può provocare riflessi indesiderati.

Filtri UV nella fotografia analogica

Dato che i filtri UV sono stati originariamente sviluppati per la fotografia analogica, tutti i vantaggi del filtro già menzionati possono essere dimostrati qui. Protegge una macchina fotografica analogica dalla forte luce UV e dagli effetti negativi associati, così come l'obiettivo e la lente frontale stessa.

Vantaggi
  • Blocco di troppa luce UV
  • Protezione dell'obiettivo e dell'elemento frontale
  • Soppressione delle aberrazioni cromatiche
  • Nitidezza dell'immagine
Svantaggi
  • Le pellicole fotografiche spesso hanno già una protezione UV
  • Peso elevato dei filtri dovuto a diversi strati di vetro
  • Alternative più economiche possibili

Tuttavia, il filtro UV sta diventando sempre meno importante nella fotografia analogica. Per esempio, le pellicole fotografiche analogiche hanno anche una protezione UV come strato superiore, che protegge già sufficientemente la pellicola dal blue cast e dalla distorsione. Allo stesso tempo, ci sono sempre più filtri alternativi e accessori per obiettivi che possono in parte svolgere i compiti del filtro UV in modo più efficiente.

Criteri di acquisto : Puoi utilizzare questi fattori per confrontare e valutare i filtri UV

Questo capitolo descrive i fattori più importanti che possono essere utilizzati per confrontare e valutare i filtri UV.

I seguenti criteri ti aiuteranno a trovare il filtro UV giusto per te e quindi renderanno più facile la tua decisione di acquisto

  • Qualità del supporto
  • Qualità della lavorazione
  • Qualità dell'immagine

Qualità del telaio

La maggior parte dei filtri UV sul mercato sono ora circondati da un telaio di metallo. Questa forma particolarmente stabile dell'attacco assicura un fissaggio del filtro senza oscillazioni e una corrispondente stabilità sull'obiettivo. Inoltre, un gran numero di filtri ha una filettatura interna nel supporto, il che rende possibile attaccare una retroilluminazione, per esempio.

Anche la larghezza del supporto è un importante criterio di acquisto - più sottile e stretto è il supporto, meglio è. L'unità di misura è il diametro della lente. È espresso in millimetri e di solito si trova sulla parte anteriore o superiore della lente.

Kunstvolles Foto mit Filter

Buoni filtri UV sono disponibili in fasce di prezzo tra i 20 e i 140 euro. (Foto: Maurício Mascaro / pexels.com)

Qualità dell'elaborazione

L'elaborazione gioca un ruolo immenso con questo filtro spesso molto stretto e filigranato. Quando acquisti un filtro, dovresti prestare particolare attenzione al modo in cui il sottile vetro del filtro è montato. Se sferraglia o non si chiude con il telaio del filtro, non dovresti comprarlo. Se hai dei dubbi sulla lavorazione, è meglio optare per modelli con un prezzo più alto.

Qualità dell'immagine

Come già detto, la qualità dell'immagine varia molto da modello a modello, anche a seconda della fascia di prezzo. Per esempio, i filtri economici a volte producono immagini così opache a causa della retroilluminazione che sono completamente inutilizzabili per "scopi normali". Specialmente di notte nelle tipiche situazioni di "lens flare", anche i filtri inferiori raggiungono rapidamente i loro limiti.

Sapevi che l'acutezza visiva è influenzata dai raggi UV?

Più la lente di un occhio assorbe le radiazioni UV, più nitida è la creatura che può vedere. Quindi si suppone anche che alcune specie animali possano percepire consapevolmente le radiazioni UV.

Fatti da sapere sui filtri UV

Come viene montato un filtro UV?

Puoi facilmente attaccare o avvitare il filtro UV sull'obiettivo - in qualsiasi momento e tutte le volte che vuoi. L'unica cosa importante è che lo avviti abbastanza saldamente in modo che non cada in mezzo alla folla o quando si guida veloce, ma non così saldamente da non poterlo svitare.

Himmel

Un filtro UV protegge anche le tue lenti dalle radiazioni che possono danneggiarle. (Foto: Joshua_seajw92 / pixabay.com)

Quali sono le alternative al filtro UV?

Le migliori alternative per la protezione delle lenti sono le seguenti, poiché non influenzano negativamente l'immagine

  • Il normale copriobiettivo
  • Un paraluce
  • Filtro di protezione senza ulteriori funzioni

Simile al filtro UV, un paraluce è progettato per evitare che la luce incidente lateralmente si rifletta sulle lenti o sulle parti della montatura e quindi raggiunga il sensore dell'immagine o la pellicola o anche l'oculare.

Questo può migliorare significativamente la qualità dell'immagine delle foto in certe situazioni di luce. Soprattutto perché il paraluce, chiamato anche paraluce, riduce sia la luce parassita che i punti di apertura (riflessi dell'obiettivo).

Questi effetti si verificano quando fonti di luce relativamente forti, per esempio una forte luce solare, brillano direttamente sulla lente frontale dell'obiettivo. A seconda della costruzione e del rivestimento dell'obiettivo e dei filtri utilizzati, le macchie del diaframma o la riduzione del contrasto dovuta alla luce parassita possono variare in intensità.

La forma dei riflessi dell'obiettivo dipende dalla forma dell'apertura. A differenza della luce parassita, tuttavia, le macchie di apertura non sono sempre fastidiose; possono anche essere usate deliberatamente e portate come un dispositivo stilistico per la composizione dell'immagine. Tuttavia, le macchie fantasma o altri riflessi causati da fonti di luce all'interno del campo dell'immagine non possono naturalmente essere evitati da un paraluce.

Un paraluce, come il filtro UV, offre anche una protezione aggiuntiva per l'obiettivo frontale o per il filtro avvitato contro danni o sporcizia come la polvere che vortica. Non c'è alcuna ragione per cui il paraluce non dovrebbe essere permanentemente attaccato all'obiettivo, tranne quando si scatta con un flash incorporato o collegato.

Quando si scatta con un flash, il paraluce potrebbe proiettare un'ombra indesiderata, ecco perché alcuni paraluce hanno un'apertura chiudibile per l'uso con un flash integrato.

È anche una buona idea utilizzare paraluce fatti appositamente per l'obiettivo per garantire il miglior effetto possibile. Paraluce adatti sono disponibili come accessori separati per quasi tutti gli obiettivi fotografici disponibili in commercio sotto forma di tubi rigidi in metallo o plastica così come paraluce in gomma pieghevoli. Sono spesso montati per mezzo di una filettatura o avvitandoli nella filettatura del filtro.

È importante che tu regoli correttamente il paraluce alla lunghezza focale dell'obiettivo. Altrimenti i bordi della foto potrebbero scurirsi in modo indesiderato. Questo viene anche chiamato vignettatura meccanica. Anche i paraluce degli obiettivi zoom devono essere adattati alla lunghezza focale più corta; non offrono la massima protezione possibile della lente frontale nella gamma dei teleobiettivi.

Quali altri filtri per obiettivi DSLR ci sono?

Ci sono una manciata di filtri in fotografia che si occupano della rifrazione o del blocco della luce e di altri meccanismi come la formazione del contrasto.

Questi includono:

  • Filtro polarizzatore
  • Filtro ND
  • Filtro grigio graduato
  • Filtri close-up

Filtri polarizzanti

Un filtro polarizzante è un polarizzatore di luce che assorbe la luce polarizzata complementare invece di rifletterla come i beamsplitter polarizzanti. Un filtro polarizzatore circolare migliora quindi il contrasto e sopprime anche i riflessi che distraggono. Il filtro polarizzatore lascia passare solo le onde luminose in una certa direzione e compensa il resto dei diversi raggi ondulatori.

In questo modo, un filtro polarizzatore circolare attenua la luce parassita esistente e ha l'effetto di trattenere una gran parte del cielo luminoso in modo che appaia più scuro e quindi più vivido di colore nella fotografia. Le nuvole bianche risaltano più chiaramente contro il cielo blu e hanno più contorni.

Il filtro polarizzatore circolare è ancora più efficace nel prevenire i riflessi. Specialmente con angoli obliqui e ombre, puoi rimuovere quasi tutti i riflessi con l'aiuto di un filtro polarizzatore. Questo è utile quando si fotografano le vetrine dei negozi, i parabrezza e le acque ferme.

Filtro ND

Un filtro ND, o filtro a densità neutra e filtro grigio, dovrebbe far parte dell'attrezzatura di base di ogni fotografo. Viene utilizzato per ottenere un oscuramento uniforme dell'immagine. I filtri grigi sono utilizzati anche nella tecnologia delle cineprese e delle telecamere, così come nella tecnologia dell'illuminazione. Sono uniformemente colorati di grigio neutro in modo che la resa dei colori non sia distorta.

Simile agli occhiali da sole, l'attacco scurisce la luce incidente e quindi permette tempi di esposizione più lunghi. Questo è pratico, per esempio, se vuoi scattare alla luce del sole con un'alta intensità luminosa, ma la velocità dell'otturatore più veloce non è sufficiente per uno scatto correttamente esposto. Un altro esempio è la fotografia in studio dove la macchina fotografica deve essere utilizzata con una velocità di scatto fissa e fermandosi non si ottiene il risultato desiderato.

Per essere preparati a tutte le condizioni di luce, i filtri ND sono disponibili in diverse intensità. I filtri con le denominazioni da ND2 a ND400 scuriscono l'immagine da due a nove f-stop ed estendono il tempo di esposizione possibile molte volte. Puoi anche impilare i filtri ND e quindi moltiplicare l'effetto. Due filtri ND8 avvitati uno sull'altro producono lo stesso effetto di un filtro ND64.

Filtri graduati grigi

I filtri graduati grigi o GND sono filtri ND che diventano completamente trasparenti verso un'estremità. Sono spesso utilizzati nella fotografia di paesaggio per evitare la sovraesposizione del cielo mentre si espone correttamente il terreno. I filtri grigi graduati sono metà scuri e metà trasparenti. L'effetto dei filtri grigi graduati è particolarmente estremo negli scatti in controluce. Un filtro grigio graduato può essere utilizzato qui per evitare un'esposizione errata.

Il filtro grigio graduato consiste in un disco parzialmente colorato la cui tinta diminuisce dolcemente verso il centro. Il cielo, per esempio, è scurito dalla tinta del disco e quindi mostra più disegno e contorno. Questo evita complicate serie di esposizioni e ore di lavoro con un programma di elaborazione.

Filtro per obiettivi close-up

I filtri per obiettivi close-up sono utilizzati principalmente nella fotografia macro. Tuttavia, molti fotografi amatoriali evitano gli alti costi di acquisto di un obiettivo macro, che è molto costoso. L'obiettivo ravvicinato è un'alternativa economica.

Come una lente d'ingrandimento, l'obiettivo close-up ingrandisce l'oggetto da fotografare e quindi sposta l'area di messa a fuoco più vicino al soggetto. Invece di 50 centimetri e più, ora puoi mettere a fuoco da una distanza di 20-30 centimetri.

Tuttavia, dato che il maggiore ingrandimento riduce notevolmente la profondità di campo, dovresti sempre utilizzare un treppiede e uno stabilizzatore d'immagine quando scatti fotografie macro. Puoi anche leggere di più sugli obiettivi macro nella nostra guida speciale.

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni