Ultimo aggiornamento: Agosto 28, 2021

Il nostro metodo

13Prodotti analizzati

42Ore trascorse

10Articoli valutati

136Recensioni degli utenti

Benvenuto nel nostro grande test del subwoofer attivo 2021. Qui ti presentiamo tutti i subwoofer attivi che abbiamo testato in dettaglio. Abbiamo compilato informazioni dettagliate e aggiunto un riassunto delle recensioni dei clienti sul web.

Vorremmo rendere la tua decisione di acquisto più facile e aiutarti a trovare il miglior subwoofer attivo per te.

Nella nostra guida troverai anche le risposte alle domande più frequenti. Se disponibile, offriamo anche interessanti video di prova. Inoltre, in questa pagina troverai anche alcune informazioni importanti a cui dovresti assolutamente prestare attenzione se vuoi acquistare un subwoofer attivo.




Sommario

  • I subwoofer attivi riproducono e amplificano adeguatamente le basse frequenze della musica, rendendoli indispensabili per alcuni generi musicali più recenti e per le configurazioni home theatre
  • Generalmente si fa una distinzione tra subwoofer attivi e passivi, con i subwoofer più recenti che appartengono in gran parte alla prima classe. Qui, il suono e la riproduzione del suono possono essere personalizzati direttamente sul subwoofer con una varietà di controlli ed equalizzatori.
  • Nei sistemi home cinema, dovrebbe essere utilizzato un subwoofer a fuoco frontale o a fuoco discendente, a seconda delle esigenze. I primi sono compatibili con ambienti leggeri.

Subwoofer attivo: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Guida: Domande che dovresti farti prima di acquistare un subwoofer attivo

Ci sono ormai molti tipi e modelli diversi di subwoofer attivi sul mercato, il che rende difficile sviluppare una panoramica adeguata dell'intera gamma di prodotti.

Aktive Subwoofer geben die Tiefen der Musik adäquat wieder, verstärken sie und sind dadurch für einige neuere Musikrichtungen und Heimkinoeinrichtungen unverzichtbar.

Sia per l'home cinema, l'home studio o come supplemento ad un sistema stereo. Per moltissimi concetti, il subwoofer è diventato indispensabile.
(Fonte immagine: unsplash.com / James Owen)

Questa guida ha lo scopo di aiutarti a decidere il giusto subwoofer attivo. Nell'ambito della guida, troverai una grande quantità di informazioni, raccomandazioni e consigli sull'argomento dei subwoofer attivi. Inoltre, si risponde a domande di base come

  • Cos'è esattamente un subwoofer attivo?
  • Quanto costano i subwoofer?
  • Quali connessioni sono necessarie?
  • Quali tipi di subwoofer esistono comunque e quale è adatto a me?

Cosa sono i subwoofer attivi e come differiscono dagli altoparlanti passivi?

Riproduci il tuo suono sulle normali casse del notebook o sul tuo smartphone e senti che il suono non viene riprodotto nella sua pienezza? Questo perché questi altoparlanti riproducono solo una certa gamma di frequenze principalmente e amplificata, ma non possono riprodurre adeguatamente i toni bassi profondi in particolare.

Se hai già un sistema di altoparlanti, potresti avere problemi simili, perché anche questi sono progettati principalmente per riprodurre le frequenze medie e basse dello spettro sonoro.

Un subwoofer, che è esplicitamente ottimizzato per la riproduzione delle vibrazioni sonore a bassa frequenza da 30 a 160 Hz, può aiutare. Un subwoofer è quindi un altoparlante a bassa frequenza. Il cosiddetto woofer qui rappresenta il telaio a bassa frequenza della cassa dell'altoparlante full-range.

Questo spiega anche la funzione del subwoofer - amplifica le basse frequenze, che di solito includono i bassi e i bassi profondi.

Più in generale, un subwoofer attivo amplifica le frequenze che si trovano nella gamma più bassa degli altoparlanti a banda larga.

La differenza chiave tra gli altoparlanti attivi e passivi è che i primi hanno un amplificatore incorporato, mentre gli altoparlanti passivi funzionano secondo il principio unidirezionale. Questo significa che tutte le regolazioni relative al suono sono fatte all'amplificatore del sistema.

La seguente tabella mostra le differenze e le funzioni di base tra subwoofer attivi e passivi.

Criterio Descrizione
Dimensioni della stanza Con un volume maggiore, il subwoofer ha bisogno di più potenza per riempire di suono l'intera area. Pertanto, qui sono determinanti le dimensioni del driver, l'efficienza e il principio dell'alloggiamento.
Posizione di installazione Il subwoofer amplifica le basse frequenze. Questi si dispiegano in particolare perché le onde sonore si riflettono sulle pareti associate. A seconda di ciò, il suono può essere distorto, quindi il subwoofer deve essere sempre posizionato centralmente con una distanza sufficiente da tutte le pareti. Per questo può essere chiamato un tecnico del suono.
Volume A seconda dell'uso pianificato, dovrebbe essere selezionato anche il volume massimo.
Uso (film vs musica) Per azione- sono disponibili film confezionati Soprattutto i bassi bassi (da 20 a 40 Hz) sono estremamente rilevanti. Ad esempio, se si desidera presentare un'autentica "sensazione di terremoto" o rumori di esplosione come al cinema, è necessario assicurarsi che il subwoofer attivo riproduca adeguatamente le frequenze molto basse. Dovresti anche sapere che le frequenze inferiori a 25 Hz non vengono ascoltate, ma piuttosto percepite e sentite.
Equipaggiamento Qui dovresti prestare attenzione a se il subwoofer è cambiato attraverso impostazioni e parametri come la regolazione di fase, bassi e filtri passa alto, funzioni EQ o sistemi di calibrazione.
Design e dimensioni Qui dovresti decidere in base alle tue preferenze quali design e dimensioni preferisci.
Budget La fascia di prezzo è, come già mostrato sopra, enorme. Dovresti essere pronto a pagare un budget più elevato, soprattutto per subwoofer di alta qualità che dovrebbero riempire di suoni grandi stanze.

Quali sono le alternative ad un subwoofer attivo?

Anche altri tipi di altoparlanti possono riprodurre i bassi, ma la maggior parte degli altoparlanti a 3 o 2 vie non possono raggiungere frequenze di taglio così basse e quindi non sono così potenti ed "esplosivi" come i subwoofer.

Se le basse frequenze sono indispensabili per l'immagine sonora, dovresti assolutamente utilizzare un subwoofer.

I tipici sistemi stereo spesso non hanno un subwoofer indipendente, poiché spesso non è necessario per il rock, il jazz o la musica classica, e a molti ascoltatori non importa se le basse frequenze non sono riprodotte in dettaglio.

Qui, molti altoparlanti a più vie possono già riprodurre i bassi richiesti, ma ovviamente non così intensamente come un subwoofer.

Tuttavia, i generi musicali hip hop e pop, che sono statisticamente i più consumati, sono significativamente più ricchi di bassi rispetto ad altri generi musicali, e questa tendenza è aumentata ancora negli ultimi anni.

Decisione: Quali tipi di subwoofer attivi esistono e qual è quello giusto per te?

Nel campo dei subwoofer in cassa, sono stati sviluppati due tipi principali: Subwoofer downfire e subwoofer frontfire. Ora presenteremo i vantaggi e gli svantaggi di ogni tipo.

Cosa distingue un subwoofer a fuoco frontale e quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

Questo tipo di subwoofer è anche chiamato subwoofer a radiazione diretta. Emettono il suono direttamente nell'aria della stanza e quindi funzionano come normali altoparlanti. Questo significa che c'è poco trasferimento di energia alla struttura dell'edificio.

Vantaggi
  • Indipendente dalla struttura dell'edificio
  • Piacevole piacere d'ascolto
  • Adatto ai quartieri
Svantaggi
  • Il suono viene elaborato solo attraverso la modalità acustica
  • Meno suono brutale e esperienza cinematografica
  • Più suscettibile ai cosiddetti "buchi nei bassi"

Qui, il suono viene percepito principalmente attraverso le orecchie. Così, anche gli effetti sonori come il rimbombo o il martellamento sono percepiti psicoacusticamente. Questo tipo di basso è spesso percepito come meno invadente e generalmente più piacevole.

Cosa distingue un subwoofer downfire e quali sono i suoi vantaggi e svantaggi?

La sorgente sonora del subwoofer downfire punta verso il pavimento, comprimendo i bassi tra il pavimento e il subwoofer. La pressione sonora si distribuisce qui a 360° e viene così trasmessa al tessuto dell'edificio. Come risultato, i bassi non sono solo percepibili ma anche udibili. In questo modo, il lancio di razzi o l'impatto di un meteorite possono essere percepiti anche fisicamente oltre alla forma acustico-visiva.

Vantaggi
  • Nessun buco nei bassi
  • Esperienza di ascolto e visiva multimodale
  • Difficile da battere in termini di massività e forza bruta
Svantaggi
  • Dipende dalla struttura dell'edificio
  • Viene generato un rumore molto forte, quindi inadatto ad una coesistenza armoniosa con i vicini
  • Sono necessari sistemi molto buoni in modo che i bassi rimangano udibili oltre al suono assorbito

La decisione se usare un frontwire o un downfire subwoofer non è sempre individuale. È molto più importante considerare se vivi in un edificio nuovo o vecchio e se le stanze o i soffitti sono insonorizzati.

Attenzione! Soprattutto gli edifici e gli appartamenti degli anni '50 sono spesso rumorosi. Pertanto, un subwoofer downfire non è sicuramente adatto in questo caso, in quanto è molto probabile che i vicini si lamentino.

Un subwoofer downfire è quindi adatto se:

  • vivi in un appartamento di nuova costruzione con una costruzione solida.
  • hai dei vicini non problematici e ti sei accordato sugli orari in cui puoi usare il sistema.
  • vuoi sperimentare l'azione bruta, potente e possente in prima persona.

Dato che gran parte dei bassi viene emessa nella struttura dell'edificio, dovrebbero essere disponibili amplificatori di potenza molto potenti in modo che i bassi rimangano udibili.

Criteri di acquisto: Questi sono i fattori che puoi utilizzare per confrontare e valutare i subwoofer attivi

Di seguito vogliamo mostrarti i fattori che puoi utilizzare per confrontare e valutare i subwoofer attivi. Questo ti renderà più facile decidere se un particolare legging è adatto a te o no.

In sintesi, questi sono:

Connessione necessaria

Ci sono diverse opzioni di connessione, che dipendono dal tipo di amplificatore, dalle sue connessioni e dal subwoofer utilizzato.

Qui ci riferiamo solo alle opzioni per il collegamento di subwoofer attivi, dato che quasi nessun subwoofer passivo compatibile viene ancora utilizzato.

In Heimkinoanlagen sollte je nach Bedürfnissen ein Frontfire oder Downfire Subwoofer verwendet werden.

I subwoofer attivi possono essere collegati a un'ampia gamma di sistemi stereo e sistemi di altoparlanti e quindi ti offrono una qualità e una profondità del suono ben distinte.
(Fonte immagine: unsplash.com / Josh Sorenson)

Oltre al cavo di segnale, il subwoofer attivo ha sempre bisogno di un cavo di alimentazione e di una fonte di alimentazione di rete.

Collegamento ad un AVR

Questo tipo di collegamento è generalmente il più semplice e produce il miglior risultato sonoro con poco sforzo. Questo perché pochissimi amplificatori stereo hanno un'adeguata gestione dei bassi che può separare le frequenze in modo pulito e correggere i tempi di ritardo.

Collegamento ad un amplificatore stereo con uscita subwoofer

Ci sono anche amplificatori stereo che hanno la loro uscita subwoofer. Qui, la connessione può essere fatta nello stesso modo in cui si fa con l'AVR. Tuttavia, devi prestare attenzione alle impostazioni qui, poiché queste devono essere fatte manualmente sul subwoofer a causa della mancanza di gestione dei bassi sull'amplificatore stereo.

Collegamento ad un amplificatore stereo con uscita pre-stereo

Il collegamento può essere effettuato anche attraverso il canale di uscita pre-stereo se l'amplificatore stereo non ha un'uscita subwoofer. Qui, i raccordi destro e sinistro possono essere collegati alle scatole RCA del subwoofer tramite un cavo RCA stereo.

Attenzione: non tutte le uscite cinch possono essere utilizzate per questo scopo. Per esempio, le uscite RCA come "Tape-Tec", "Rec Out", "DAT Rec" o simili non possono essere utilizzate per il collegamento del subwoofer, poiché non sono incluse nel controllo del volume dell'amplificatore.

Collegamento ad un amplificatore stereo senza pre-uscite

Il subwoofer può anche essere collegato tramite le uscite di alto livello. Questi sono in realtà destinati agli altoparlanti passivi, ma possono essere un rimedio se l'amplificatore stereo non ha una pre-uscita o una connessione per il subwoofer.

Connessione ad un PC

La connessione ad un PC dipende dalla scheda audio. Le normali schede audio stereo richiedono un crossover esterno, che è anche la soluzione più pulita. In alternativa, il segnale può essere separato e distribuito al subwoofer e all'amplificatore stereo o ai satelliti attivi.

Inoltre, molte schede audio offrono un'uscita aggiuntiva per i subwoofer.

Fattore di distorsione

Il fattore di distorsione indica la misura in cui il segnale dagli altoparlanti è distorto o quanto il segnale d'ingresso viene modificato.

Per impostazione predefinita, è dato come percentuale e quindi fornisce informazioni sulla proporzione dei segnali di interferenza nel segnale complessivo riprodotto.

Come regola generale, il 5% o più della distorsione è udibile anche da orecchie non allenate. Per gli ascoltatori professionisti è circa l'1%.

Chassis

Uno chassis è un altoparlante singolo senza cabinet, che consiste in un cestello dell'altoparlante, una bobina mobile, un magnete, un diaframma e un bordo. Il telaio, insieme alla corsa del diaframma, è responsabile della generazione della pressione sonora e della capacità dinamica del subwoofer.

Il telaio del woofer dovrebbe avere un diametro di almeno 12 pollici.

La regola è: diametri più grandi (fino a 18 pollici) producono più pressione sonora, ma anche un comportamento di corsa più lento.

Crossover

Il crossover divide le frequenze audio dei sistemi di altoparlanti a più vie in diverse gamme. In pratica, tutti i driver degli altoparlanti sono assegnati in modo tale che siano assegnate le gamme di frequenza (bassi, medi e alti) alle quali possono lavorare in modo ottimale.

Anche qui si fa una distinzione tra crossover passivi e attivi. I crossover passivi sono collegati tra l'uscita dell'amplificatore e l'altoparlante. Lavorano con bobine, condensatori e resistenze.

Impedenza

L'impedenza è data nell'unità Ohm (misura della resistenza di corrente). Il valore ohm può essere utilizzato per scoprire quanto l'altoparlante carica l'amplificatore in relazione alla sua impedenza di uscita (resistenza interna).

Potenza dell'amplificatore

La capacità di produrre la massima potenza in un breve periodo di tempo è chiamata potenza di picco. Tuttavia, questo ha poco significato per la potenza effettiva.

Più importante qui è la potenza nominale o sinusoidale. Questo si riferisce ad un segnale che rimane sempre lo stesso, che viene riprodotto con una certa potenza. Nel caso della potenza normale o musicale, questo è il valore medio della potenza sinusoidale e di picco.

Nelle panoramiche e nelle specifiche dei produttori, questi valori sono spesso dati nel seguente schema: potenza sinusoidale/potenza d'impulso, ad esempio 200/400 watt.

Controlli per la frequenza di crossover e il livello

Il livello indica il volume del subwoofer. Qui puoi regolare la pesantezza dei bassi o ridurre i bassi troppo dominanti e le vibrazioni sgradevoli.

La frequenza di crossover indica la gamma di frequenza per la quale il subwoofer è responsabile. Un'immagine sonora armoniosa si ottiene abbinando gli altoparlanti anteriori e i controlli.

I livelli e i controlli ti permettono di adattare il suono alle condizioni della stanza.

Risposta in frequenza

La risposta in frequenza indica la gamma di frequenza che viene riprodotta dal subwoofer.

I modelli di fascia media hanno una gamma di trasmissione da 30 a 150 Hz. I modelli ad alta gamma possono anche riprodurre 20 Hz.

Diametro degli altoparlanti il diametro degli

altoparlanti dipende dalla lavorazione interna e dalle caratteristiche speciali del design (più driver attivi, radiatore passivo, ecc.). I modelli che non hanno radiatori passivi o altro dovrebbero avere un diametro di 25 centimetri in modo che possano riprodurre i bassi in modo potente e realistico.

Bassreflex

Per gli appassionati: il principio fisico dietro a questo è chiamato risonatore di Helmholtz.

Bass reflex si riferisce ad un tipo specifico di contenitore. Viene anche chiamato "chiuso". Negli altoparlanti bass reflex, viene costruita un'apertura aggiuntiva che amplifica i bassi in determinate gamme di frequenza.

Fonte di immagine: Honcharenko/ 123rf.com

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni